12/04/2018

ASSOCIAZIONI DELLA DONAZIONE E DEL TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE: CHI SIAMO E QUALI SONO I NOSTRI PROGRAMMI

ASSOCIAZIONI DELLA DONAZIONE E DEL TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE: CHI SIAMO E QUALI SONO I NOSTRI PROGRAMMI

Palazzo Strozzi Sacrati - Sala Pegaso Piazza Duomo, 10 – Firenze 12 aprile 2018 ore 15.00 14.45 Accoglienza partecipanti 15.00 Apertura dell’incontro []

30/03/2018

Costituzione di una graduatoria per il conferimento di incarichi libero professionali per Collaboratore Professionale Sanitario Ostetrica/o

In seguito alla delibera Giunta Regionale Toscana N° 415 del 18/4/17 che attribuisce finanziamenti alle associazioni di volontariato del settore donazione []

10/03/2018

Giornata Internazionale della Donna

Giornata Internazionale della Donna

Adisco Toscana alla Giornata Internazionale della Donna organizzata da Centro Italiano Femminile di Fucecchio []

17/06/2017

Giornata regionale della donazione del sangue

Giornata regionale della donazione del sangue

17 GIUGNO 2017 ore 9:00 Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci Viale della Repubblica, 277 Prato  []

21/03/2017

La donazione di sangue cordonale. Passato, presente e futuro

La donazione di sangue cordonale. Passato, presente e futuro

MARTEDI’ 21 MARZO 2017 Ore 15.30Grand Hotel Palazzo Viale Italia 195Livorno Relatrici  Dr.ssa Patrizia UrciouliResponsabile Banca sangue cordonale Azienda ospedaliera pisana Dr.ssa Silvia Ceretelli []

18/06/2016

SAVE THE DATE! Giornata regionale della donazione del sangue

SAVE THE DATE! Giornata regionale della donazione del sangue

18 giugno 2016 ore 9.00 Gran Teatro Giacomo Puccini Via delle Torbiere Torre del Lago Puccini (LU) []

12/05/2016

Artigianato e Palazzo - 12/15 maggio 2016

Artigianato e Palazzo - 12/15 maggio 2016

Giardino Corsini via della Scala, 115 - Firenze []

12/03/2016

Concerto per piano del Maestro Goffredo Orlandi

Concerto per piano del Maestro Goffredo Orlandi

Terme Excelsior, Montecatini Terme - ore 16 []

28/11/2015

Mercatino di Natale - 28 e 29 novembre, Sala Ex Leopoldine piazza Tasso Firenze

Mercatino di Natale - 28 e 29 novembre, Sala Ex Leopoldine piazza Tasso Firenze

Con la collaborazione del Consiglio di Quartiere 1 sabato 28 novembre 2015ore 10.00 - 19.00 domenica 29 novembre 2015 ore10.00 -19.00 Sala Ex []

26/09/2015

Salute e medicina di genere: valore, pluralità, differenze ... e a Prato un ospedale a misura di donna

Sabato 26 Settembre 2015 Nuovo Ospedale di Prato S. Stefano - Sala del Cembalo  Programma 09:00 Saluti ed introduzione al seminario Paolo Morello Marchese, []

25/09/2015

Il CESVOT al Festival della Salute

Donare per cambiare... il mondo. Lezione con le scuole Gli studenti di alcune scuole secondarie di primo grado della Toscana saranno []

04/06/2015

Mercatino ADISCO Toscana

Mercatino ADISCO Toscana

Via Cairoli, 8 - Prato Dal 4 al 6 giugno, dalle ore 10 alle ore 19, a fronte di un'offerta potrai avere []

01/05/2015

Sostieni ADISCO destinando il 5x1000

Sostieni ADISCO destinando il 5x1000

CODICE FISCALE 92042420486 oppure facendo una donazione in banca (IBAN IT 95 U 01030 21500 00000 6198362)  []

Le cellule staminali

Un Binomio Vitale

Il sangue del cordone ombelicale donato presso le Banche pubbliche offre già nuove opportunità di cura e tante potenziali applicazioni nella medicina rigenerativa.

cellule staminaliIn tutto il mondo l’incidenza della leucemia nelle sue varie espressioni cliniche è in continuo aumento. L’Italia, tra l’altro, nell’ambito dei paesi occidentali, vanta il poco invidiabile primo posto nell’incidenza della malattia con 10-12 nuovi casi all’anno ogni 100 mila abitanti. Nel complesso, circa 500 di questi riguardano bambini al di sotto dei 14 anni.
Per alcuni casi la guarigione dipende dalla tempestività con la quale viene effettuato il trapianto di midollo osseo, che permette al paziente – attraverso l’infusione di cellule staminali emopoietiche - la possibilità di produrre sangue sano.

Generalmente, per un paziente in attesa di trapianto la probabilità di reperire un donatore compatibile in ambito familiare è pari al 25% circa. Del restante 75%, solo il 35% riesce a reperire un donatore compatibile nei Registri Internazionali di midollo osseo (circa 9 milioni di unità).

La buona notizia è che tutti coloro che non disponessero di donatore di midollo osseo compatibile e, soprattutto, non potessero permettersi di attendere i tempi della ricerca (circa 6 mesi), troveranno un’alternativa altrettanto efficace e sicura: il sangue da cordone ombelicale.

Risale al 1974 la prima dimostrazione della presenza di cellule staminali emopoietiche (ovvero cellule capaci di produrre globuli bianchi, globuli rossi e piastrine in quantità tali da ricostituire il midollo osseo), nel Sangue di Cordone Ombelicale (SCO) o placentare.

La possibilità di impiegare questo sangue - prelevato dopo il parto e la recisione del cordone ombelicale (circa 100 cc) - nel trapianto di pazienti affetti da patologie ematologiche, sia neoplastiche (leucemie e linfomi), sia non neoplastiche (gravi forme di anemia, talassemia), è stata successivamente precisata in numerosi studi e definitivamente confermata nel 1989 dopo il caso di un paziente affetto da anemia di Fanconi curato con successo con il trapianto di cellule staminali provenienti dal cordone ombelicale del fratello.

Nel 1993 fu effettuato il primo trapianto con sangue placentare non correlato e da allora il numero di trapianti effettuati continua a crescere, confermando la grande potenzialità delle cellule staminali del sangue placentare che, per alcuni aspetti, sono da ritenersi persino “migliori” rispetto a quelle contenute nel midollo osseo.

Ad esempio, le cellule staminali presenti nel sangue placentare sono meno aggressive dal punto di vista immunologico e quindi risulta più bassa l’incidenza della malattia del trapianto verso l’ospite (Graft Versus Host Disease), una delle più gravi complicanze post trapianto, cosa che permette di usare criteri meno restrittivi in termini di compatibilità HLA (Human Leucocyte Antigens), nella selezione dell’unità cordonale rispetto alla scelta del donatore di midollo.

Complessivamente i risultati delle due procedure trapiantologiche sono sovrapponibili se valutate a distanza di tempo, particolarmente nei pazienti pediatrici (peso non superiore ai 50 Kg), dato che nei pazienti adulti di peso corporeo più elevato la quantità di cellule staminali presenti in una sacca di sangue placentare non sempre è sufficiente. Ultimamente si sta cercando di superare questo svantaggio legate alla dose cellulare trapiantando due sacche allo stesso paziente o coltivando in laboratorio le cellule staminali per aumentarne il numero prima del trapianto.

Per quanto riguarda le prospettive di utilizzo, in alcuni policlinici italiani (Milano, Pavia, Torino, Padova, Bologna, etc.) sono in corso di studio applicazioni terapeutiche del tutto innovative che riguardano la “plasticità” delle cellule staminali, caratteristica che consente la differenziazione in cellule somatiche appartenenti a tessuti di natura non emopoietica come cuore, tessuto muscolare, tessuto nervoso, etc., e che sembrerebbe particolarmente spiccata nelle cellule di sangue placentare. Vale a dire che si intravede la possibilità di far moltiplicare in laboratorio le cellule staminali prelevate da un organo e trasformarle in cellule di altri tessuti.

Gli studi in corso (finora solo su modello animale) riguardano soprattutto l’ematologia, la cardiologia e la neurologia, ma è presto per parlare di nuove strategie di cura, così come è difficile prevederne i tempi di realizzazione: occorre abbinare una formidabile (e costosa) ricerca in laboratorio a un braccio operativo che traduca i risultati in protocolli clinici applicabili all’uomo, quindi con caratteristiche di sicurezza e sterilità, con divisibilità etica.

È comprensibile favorire la speranza, ma allo stato attuale sarebbe irresponsabile promettere la trattabilità di tante malattie che affliggono la società attraverso il ricorso alla terapia cellulare, viceversa è saggio mantenere un cauto ottimismo sulle potenzialità finora riscontrate dalla comunità scientifica internazionale più accreditata.

Nel mondo sono attivi circa 40 programmi di bancaggio pubblico non autologo (cioè destinato a un ricevente diverso dal donatore), con un inventario globale di circa 260.000 donazioni disponibili via rete a tutti i centri trapianto del mondo che ne facciano richiesta.
In Italia la gestione del sangue placentare – come ogni altro tipo di sangue (vedi a scopo trasfusionale) – è affidata alle strutture pubbliche, sotto il coordinamento del Centro Nazionale Sangue, mentre il registro delle unità conservate, circa 30.000, è tenuto parallelamente a quello dei donatori di midollo osseo (IBMDR) dal Centro Trasfusionale dell’Ospedale Galliera di Genova.